I poltronisti non vanno a piedi

 

Se, come chiarisce il Treccani, poltronista è “chi pensa a occupare poltrone, a ricoprire incarichi”, con l'avvento di Renzi il poltronismo è diventato universale. Quello di ultima generazione obbedisce al criterio selvaggio del “levati tu che mi ci metto io”. Ma persiste quello antico, che in nome dell'“interesse generale” consente a uno come Chiamparino di fare il comunista, il socialista, il democratico, il liberal e il renziano, il sindaco e il banchiere. E adesso anche il candidato del Pd alla presidenza della Regione Piemonte. Un “riformista” a tutto tondo, che divenne tale sul “52 barrato” di ritorno da un seminario sul Capitale di Marx, come lui stesso ci racconta. “Seduto dietro l'autista, pensai: ma se ora si libera del lavoro o si ferma, io che faccio?” Ovvio che sarebbe dovuto andare a piedi. Così divenne riformista. E poltronista.  

nuvola rossa

vai alla raccolta dei corsivi di nuvola rossa