Stampa
Categoria: Evidenza
convegnoberlinguerTesto della introduzione di Paolo Ciofi all'incontro internazionale "Berlinguer e l'Europa:i fondamenti di un nuovo socialismo", che si è svolto a Roma il 6 marzo 2015 nell'Auditorium di via Rieti.
 
Berlinguer e l'Europa: i fondamenti di un nuovo socialismo
1. Enrico Berlinguer è stato senza dubbio una delle personalità politiche più rilevanti nella seconda metà del Novecento. Soprattutto per aver posto nel cuore dell'Europa, non in termini di pura ricerca intellettuale bensì di lotta politica concreta che ha mobilitato milioni di donne e di uomini, il problema della costruzione di una civiltà più avanzata oltre le colonne d'Ercole dell'ordinamento del capitale, dichiarate invalicabili dalla dogmatica del pensiero dominante.
Un «nuovo socialismo» e dunque, come Berlinguer stesso più volte ha sottolineato, una nuova gerarchia di valori, che abbia al centro l'uomo e il lavoro umano, che esalti «le virtù più alte dell'uomo»: la solidarietà, l'uguaglianza, la libertà, la giustizia. Forse il punto più alto toccato dalla politica europea nel secolo passato. E forse proprio perAuditoprium di Via Rieti Romaciò, in questo tempo buio di crisi del Vecchio Continente e della stessa idea di Europa, oggi maggiormente trascurato, nonostante le numerose e importanti iniziative che nel trentennale della morte hanno segnato in Italia un ritorno del suo pensiero e della sua alta visione della politica.
Il segretario del Pci è vissuto e ha lottato in un'altra epoca storica. Il partito comunista da lui guidato è stato messo in liquidazione più di vent'anni fa, l'Unione sovietica e il «socialismo realizzato» sono scomparsi dalla faccia della terra, gli Stati uniti e il capitalismo finanziario globalizzato hanno trionfato, mentre potenze emergenti come la Cina e l'India stanno oggi cambiando l'assetto geopolitico del mondo. Non si può dire però che nel mondo abbia trionfato il bene comune.

 

dal link che segue scarica il testo intergrale della relazione di Paolo Ciofi

Berlinguer e l'Europa: Introduzione di Paolo Ciofi.pdf