renzi merkel marchionne 350 260Il vertice tra il governo italiano e quello tedesco del 31 agosto si è svolto nella location dove comanda Marchionne. Non si era mai visto che i governanti di due Paesi sovrani si riunissero nella sede di una società privata, sia pure di gran nome. Ma il mondo gira, e il picchetto in alta uniforme sull’attenti sotto il simbolo del cavallino, di fronte al quale pomposamente compare Renzi, è l’immagine perfetta della svolta antidemocratica in atto: il capo del governo, che dovrebbe essere al servizio di tutti gli italiani, degrada al rango di propagandista al servizio del capitale finanziario, impersonato in questo caso dal presidente della Ferrari suo compagno di merende. Una condizione che vorrebbero stabilizzare cambiando la Costituzione. Marchionne ha dichiarato che voterà sì nel referendum costituzionale perché l’obiettivo si realizzi. E Renzi il giorno dopo ha voluto ricambiare, dimostrando di essere un servitore fedele che fa sul serio. I conti tornano. Ma sono conti che possono solo fare del male all’Italia e agli italiani.
Paolo Ciofi
paolociofi.www.it